Corso 8 ore Spazi Confinati, 01 dicembre 2021

Corso di 8 ore per il conseguimento dell’attestato:   Spazi  Confinati

Premessa

La Legge 81/08 stabilisce l’obbligo per il datore di lavoro di istruire, formare ed addestrare il lavoratore per le attività che deve svolgere ed in particolare sull’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale di 3° cat. (dispositivi salvavita)  quando il lavoratore opera in spazi confinati.

Formatori:

Fabio Lenti, Guida Alpina da 40 anni, Formatore Lavoro per il Collegio Nazionale delle Guide Alpine, Tecnico di Elisoccorso basi 118 Como, Milano da 33 anni, Istruttore Regionale di Soccorso Alpino da 30 anni

Parte teorica

Introduzione su i contenuti della legge 81, come preparare un lavoro in esposizione, come eseguire una analisi dei rischi, come valutare i rischi residui. Riconoscere gli ambienti sospetti di inquinamento o confinati.  Conoscere e saper individuare i fattori di rischio in ambienti sospetti di inquinamento o confinati.    Conoscere, saper individuare ed elaborare le misure di prevenzione e protezione specifiche. Conoscenza delle linee guida ISPESL Lavori in ambienti sospetti di inquinamento.  Cosa sono i DPI, 1°, 2°, 3° categoria. Perché non buttare il libretto di istruzioni e perché leggerlo.  Obbligo della registrazione dei Dpi di 3° categoria, come registrarli, controllo periodico, scadenze. Cosa è un EN, Elenco dei Dpi di 3° categoria con spiegazioni inerenti: imbracature, caschi, connettori, cordini, assorbitori di energia, funi, para spigoli, retrattili, discensori, bloccanti, anticaduta scorrevoli di tipo guidato.  Cosa sono e come si utilizzano i rilevatori Gas e APVR (Apparecchi di protezione delle vie respiratorie). Ancoraggi EN 795 A,B,C,D,E. Come utilizzare gli ancoraggi. Utilizzo tripode. Utilizzo palo telescopico. Cosa è il fattore caduta (0,1,2) importanza dell’utilizzo dell’assorbitore di energia e problematiche del tirante d’aria. Elenco tipologie di lavoro in quota con indicazioni specifiche per l’utilizzo dei vari sistemi. Test scritto a tre risposte; Come si redige un Piano d’emergenza e sistemi di evacuazione persona sospesa e inerte; 4 ore.

Parte pratica

Tipologie di imbracature e come si indossano, l’utilizzo dei DPI a seconda della tipologia di lavoro: Definizione dell’area di cantiere;  Posizionamento linea vita temporanea EN 795 B per l’assicurazione degli operatori che dovranno avvicinarsi, con rischio caduta, all’area di lavoro. Tale linea vita sarà indispensabile anche per la sicurezza dell’operatore che rimarrà all’esterno e per la sicurezza dell’operatore che dovrà calarsi nello spazio confinato.  Posizionamento in sicurezza del Tripode EN 795 B nell’area lavorativa; Tecnica di utilizzo in sicurezza di scale per la discesa in spazi confinati, con l’istallazione del Tripode come ancoraggio EN 795 B ed il posizionamento di linea vita temporanea verticale in fune En 1891 A, con l’utilizzo dell’anticaduta scorrevole di tipo guidato EN 353.2.;  Utilizzo di Retrattili EN 360; Esercitazioni pratiche di ingresso in spazi confinati con DPI anticaduta. Rilevatori Gas e APVR (Apparecchi di protezione delle vie respiratorie) – prove pratiche di utilizzo.

In caso l’ operatore rimanga infortunato o svenuto,  oppure cosciente ma non in grado di risalire da solo in superfice, la normativa impone che  venga evacuato verso l’alto. Nel lavoro in quota deve esserci una specifica procedura di emergenza descritta nel Piano Operativo di Sicurezza.

Nel caso di Spazi Confinati occorre avere un sistema di evacuazione verso l’alto che non sia elettrico o a motore, ma manuale.  Utilizzeremo verricelli e paranchi per il recupero di emergenza dell’operatore.  Nel corso verrà dedicato uno spazio specifico ad ogni operatore che dovrà essere in grado di manovrare il verricello per  evacuare l’infortunato verso l’alto.  4 ore

per informazioni e iscrizioni: chiama 3356049823 oppure scrivi una mail a info@fabiolenti.it